Come ci proteggiamo inconsciamente dalle energie negative

Qualche giorno fa ho sentito per telefono un mio caro amico che sta attraversando un periodo difficile e ho sentito che la nostra comunicazione, non verbale, aveva delle difficoltà.
La sua energia, debole e messa alla prova in questo periodo della vita, non era, per dirla alla discotecaro milanese, al TOP e io ho sentito il bisogno, una volta chiusa la conversazione telefonica, di dare uno sguardo alle preghiere e ai metodi per purificare le proprie energie.
A furia di leggere mi sono proprio appassionata e ho scoperto delle cose interessantissime che voglio condividere con voi.
Premetto che sono sempre stata una ragazza piuttosto sensibile, energeticamente e caratterialmente parlando, ma non ho mai avuto la cultura e la formazione necessarie a capire come proteggermi al meglio dall’energia ‘spazzatura’ circostante.
Siccome però siamo soli al mondo ma non siamo mai soli, ho scoperto che le mie scelte sono sempre state condizionate da qualcuno e da qualcosa che ha protetto la mia ignoranza.
Non preoccupatevi, cari lettori, adesso arriverò al punto e mi spiegherò meglio.
Quali sono i modi per proteggerci?
Ce ne sono tantissimi e questo accade perché l’odio è un vicolo cieco, l’amore invece è un albero pieno di rami, a volte non tutti i rami però funzionano per noi in quanto, come uccellini, dobbiamo trovare il ramo adatto, quello in cui ci sentiamo più liberi di fare il nido.
Innanzitutto, un metodo efficace, è sicuramente quello di non prestare attenzione al basso livello energetico altrui che attacca la vostra aura con invidia, risentimento e altre energie di basso livello.
Preoccupandoci, infatti, stiamo già permettendo all’altro in qualche modo di entrare e di seminare una pianta marcia nel nostro cuore.
La nostra persona, soprattutto se è sensibile, si accorge però di quello che le sta accadendo intorno e si trova, in qualche modo, in uno stato di allerta che è difficile calmare subito.
L’ideale sarebbe rivolgersi alle proprie guide spirituali e risolverla da soli per accantonare i brutti pensieri immediatamente chiedendo di trasformare la potenza energetica mandata dall’altro in energia positiva per la stessa persona mandante.
Se ci fa stare più sicuri ci sono però altri metodi tra cui l’aiuto dei cristalli purificatori, tra cui spiccano l’ametista, il cristallo di rocca e la giada, i quali, se mantenuti correttamente e con la giusta pulizia (approfondirò l’argomento), puliscono l’ambiente in cui viviamo, le nostre energie e, di conseguenza, anche i nostri pensieri.
Pensate, per ritornare al titolo, che quando ero piccola mi piaceva collezionare inconsapevolmente tutti i minerali e andavo spesso al fiume a raccoglierli (ricordiamoci che al fiume sono già puliti e ‘pronti per il primo utilizzo’) per portarli a casa.
Un altro metodo che io non conoscevo, viene dai nostri amici animali, concreti e visibili o animali guida.
Quando ero piccola ho chiesto ai miei genitori insistentemente una tartaruga d’acqua per poi scoprire ultimamente, guarda caso, che la tartaruga serve a proteggere dalle energie ambientali molto basse.
Il cane? Stessa cosa, il cane non è un collegamento, a differenza del gatto, il cane è protezione e ci viene affiancato quando non siamo in grado di difenderci da soli e abbiamo bisogno di altra energia vicino a noi.
Possiamo chiamare e rivolgerci concretamente proprio a lui/lei in aiuto quando ci sentiamo deboli e ‘sotto attacco’ energeticamente.
Anche piante come Rosmarino, Menta e Ginepro sono forze vive che ci aiutano energeticamente.
Ricordate solo di non sovraccaricarle troppo di lavoro perché essere lavorano già fisicamente nella pulizia dell’ambiente e nella produzione di ossigeno e sono quindi già molto ‘impegnate’ di loro, chiedere anche un aiuto così importante potrebbe debilitarle, essendo poi così sensibili.
Ultimo ma non ultimo di certo è l’aiuto che ci viene dato dal nostro amico ‘invisibile’, l’animale che ci capita spesso di sognare e che ci vuole dire qualcosa.
Se sognate un animale, non è per caso, spesso può infatti trattarti del nostro animale guida a cui possiamo rivolgerci visualizzandolo nel momento del bisogno.
L’animale guida infatti è solo il volto che ha quel tipo di energia che ci viene in aiuto e che serve a noi per essere riconosciuta in un determinato modo.
Se non avete ancora un animale guida potete sceglierlo e richiamarlo provando a visualizzarlo davanti a voi per infine chiedergli di assistervi.

Bello, vero?

Un abbraccio a tutti voi!

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

5 thoughts on “Come ci proteggiamo inconsciamente dalle energie negative”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s