Tag Archives: coppia

Il DJ

Il DJ ho avuto la fortuna di incontrarlo a una festa privata, più precisamente a un after party della MFW (Milano Fashion Week), very fescion solo per vipz come me che sono entrata grazie a una mia non proprio amica russa che fa la modella (o almeno così dice) e  che mi ha fatta passare con il nome della sua amica.
Immaginatevi la scena:
Nome?
“Anusjuahdjska”
Molto credibile…
Comunque si sa che le ragazze che controllano queste liste non hanno proprio una mente brillante alla Steve Jobs e quindi sono entrata lo stesso.
Stretta tra i modelli di sfilata ho pensato bene che mi mancasse l’aria e così ho chiesto a un organizzatore della festa di indicarmi la prima uscita e, fato vuole che questo accadimento mi abbia permesso di incontrare la figura più cercata del 2000, il DJ.
Con la sua camminata lenta e molleggiata, mi accompagna fuori e, con una scusa, riesce a strapparmi il numero.
Qualche giorno dopo mi invita alla festa dove suona ed è ospite speciale.

“Se paghi l’ingresso poi in qualche modo ti faccio passare nel privè”

Capisco che i Dj al giorno d’oggi debbano portare più gente possibile per venire presi in considerazione dalle discoteche ma come primo appuntamento avrebbe potuto inventarsi di meglio.
Accortosi della cavolata uscita dalla bocca ha aggiustato un po’ il tiro:

“Anticipa i soldi che poi te li restituisco, è solo per far vedere che la gente viene per sentire me”

Ovviamente non sono andata.
Passa ancora qualche tempo e mi dimentico questa figura mitologica ed ecco che però rispunta improvvisamente e mi chiama per complimentarsi con me, per quanto sono bella nelle ultime foto etc…
A fine telefonata fa un breve accenno a una foto che ha visto con un mio amico, il quale, non a caso, è proprietario di una discoteca.
Con il massimo distacco gira intorno alla questione e cerca di farmi capire che vorrebbe tanto conoscerlo.
Io gli dico che non c’è problema, e continuo la conversazione chiedendogli altre cose sul suo lavoro, in particolare sul suo secondo lavoro nella produzione televisiva, interessata a sentire la sua esperienza (mi piacerebbe, infatti, lavorare nel cinema).
Lui mi risponde con un inaspettatissimo:

“Eeeeh, approfittatrice, voi donne siete proprio approfittatrici e strateghe”

Io che volevo solo chiacchierare con uno che, a quando pare, mi aveva chiamata solo per convenienza, ho trattenuto la rabbia e ho concluso con una verità che ancora adesso ritengo sacra:

“E voi DJ siete proprio delle puttane”

Insomma, è proprio vero che le persone che agiscono in mala fede pensano sempre che gli altri facciano altrettanto.

 

Advertisements

Il Pelatino

Cos’è il Pelatino, direte voi, chi è?
Un pomodoro forse? Un ingrediente? Un modo di vivere?
No, no, no.

Il Pelatino non è solo una persona, una persona molto brutta, per giunta.
Il Pelatino è quel momento della tua vita in cui ti senti triste, sola e sconsolata, quel momento in cui tutti i parenti e amici si chiedono cosa ci sia in te di sbagliato e perché tu non abbia ancora trovato la persona giusta, la tua dolce metà.

Ed ecco che tu cedi, cedi e concedi finalmente l’appuntamento a quel pedante, stressante signore che tu hai sempre ignorato.

Quello che ti ha scritto i messaggi più dolci per svegliarti e per mandarti a dormire, il ragazzo d’oro, quello bravo ma talmente brutto da far impietrire persino Medusa, il Pelatino, appunto.

Basso, calvo, magro e sgraziato, il Pelatino conosce ogni dettaglio della tua vita e di quella dei tuoi genitori.
Accompagna la sua gentilezza senza confini al lancio di messaggi subliminali che già ti vedono assieme a lui all’altare.
Faccio un esempio e cerco di spiegarmi meglio.
Hai il cane? A lui non piace che i cani dormano in casa e, come il miglior contabile, cerca di assicurare sin dal primo appuntamento un’altra sistemazione alla bestiola in previsione del futuro fidanzamento e matrimonio.
Qual è lo stile di arredamento che preferisci?
Il Pelatino ha già previsto quanto spendere per arredare il vostro futuro nido (gabbia) d’amore e già ti chiede il permesso di mettere le lampade che sua nonna ha passato a sua madre e che tutti si aspettano lui appenda nella sua futura casa.

Il Pelatino non lascia niente al caso e, se per caso doveste incontrare casualmente un suo collega di lavoro o un suo conoscente, state pur certe che  il perfetto sconosciuto sa già chi siete e cosa fate nella vita e la versione romanzata di come tu e il tuo Pelatino personale vi siete incontrati, l’inizio della vostra bellissima storia d’amore e di come il Pelatino vi ha raccolte come un frutto caduto dall’albero e vi abbia fatto vivere i momenti più belli e romantici della vostra vita, di come vi abbia presentate a ogni persona ‘giusta’ della città, di come abbia ridato anima e direzione alla vostra esistenza.

E tutto questo, signori e signore, solo alla seconda volta che vi vedete.
Per il ‘prezzo’, un affare insomma!

Prima che però il Pelatino si inserisca anche nel vostro Curriculum Vitae, se siete ancora in vita, voi fuggite.

Il Pelatino infatti è quella figura da cui nei film tutte scappano a gambe levate, quella che se ti guardi allo specchio alla mattina, ti sembra di vedere alle spalle e ti spaventi, quella che nessuna tisana rilassante riuscirà a togliervi dalla mente.
Quindi, io, il vostro medico di fiducia con tanto di specializzazione in delusioni amorose, vi consiglio una vacanza e un mese di pilloline dopo la fuga dal Pelatino e ricordatevi che nulla accade per caso, almeno adesso sapete perché siete sole e che, in fondo, non è solo una vostra scelta.

L’IMPETTITO

In occasione del carnevale, sono stata invitata a una festa in maschera elegante, una di quelle feste dove si mangia male, anzi, malissimo, ma che servono, una volta uscite le foto sui rispettivi social network, a far morire di invidia i comuni mortali.
Qui ho avuto il grandissimo onore, secondo lui, di conoscere l’Impettito, un uomo tutto d’un peTTo, con il sorrisetto prestampato sulla faccia, un uomo viziato sin dalla nascita e che crede che la sua furbizia sia impareggiabile dai comuni mortali (figurarsi da creature inferiori quali sono le donne).
Prima di avvicinarsi a me l’Impettito ha fatto le sue ricerche, si è informato a dovere, d’altronde ogni ‘investimento’ deve essere cautamente ponderato e l’impettito sa bene che, siccome la natura non l’ha dotato di una grande bellezza ma è stata piuttosto avara nei suoi confronti, è meglio compensare con un’adeguata formazione per sorprendere l’ingenua preda di turno.
Così, cauto, nei suoi movimenti goffi e impacciati, si avvicina e comincia a parlare del suo lavoro, e, sapendo che io sono una povera scrittrice, esordisce parlando di quanto ami leggere e guardare film muti, di quanto sia importante mantenere il patrimonio culturale italiano etc…
Fino a qui tutto bene, tiro un sospiro e apprezzo lo sforzo, racconto a me stessa che non è bello ciò che è bello ma ciò che piace e altre stupidaggini simili.
Qualche giorno dopo, dopo aver seguito alla lettera il copione dalla furbizia che prevede un silenzio stampa di qualche giorno che dimostri alla preda quanto è impegnato, l’Impettito mi chiama per invitarmi a uscire e, sapendo che mi piace il vino buono, i luoghi un po’ nascosti ed eleganti, da vera bohemienne, mi propone un luogo speciale che soltanto in pochi conoscono e che potrebbe essermi d’ispirazione per il mio lavoro artistico.
Arriva il giorno e l’Impettito, puntuale, viene a prendermi sotto casa. Durante il tragitto mi fa tutte le domande del caso e mi ascolta, tiene a ribadire quanto lui sia diverso dagli altri e quanto non si fidi delle donne, scottato dal fatto che si approfittano sempre di lui e della sua disponibilità economica.

Arriviamo nel luogo, un bar elegantissimo ma soffocante.

L’Impettito apre la porta per farmi entrare, dimostrando la sua assoluta mancanza di buona educazione.

“Sono in trappola”, penso, ma è troppo tardi.

L’impettito si destreggia con un drink al pepe nero e foglie di salvia essiccate e, fidandomi, io lo seguo.
Dopo un po’, stufa di quel luogo soffocante, gli chiedo di andarci a prendere uno yogurt in piazza ma lui mi guarda allibito dicendo che prima di mischiarci alla massa preferisce prendere il suo abituale tè nero.
Arriva il cameriere con la scatola, lui sceglie il suo tè nero con l’espressione da intenditore ma non sa nemmeno come fare l’infusione e mi costringe a intervenire per aiutarlo al fine di non fargli spargere il tè per tutta la sala.

Esordisce con un “Non è quello che di solito prendo io”

“Ci risiamo, sono in trappola” penso nuovamente

Arriva il fatidico momento del conto:

“42 euro, facciamo 40” ci dice la cameriera con la sua migliore faccia da schiaffi

Lui arriva per primo, mi spintona e con il suo adorabile sorrisetto tira fuori il portafogli e io, da povera studentessa, cerco comunque di non fare brutta figura e tiro malvolentieri fuori la mia carta.

Qui però c’è un colpo di scena: lo spavaldo cavaliere si blocca e non riesce proprio a far uscire i soldi dal portafogli e io vedo la mia carta passare in mano alla cameriera facciadaschiaffi e direttamente nel pos.

I miei occhi seguono la scena a ralenti e penso immediatamente per quante settimane non dovrò mangiare per potermi permettere questo appuntamento, con un cesso atomico per giunta.

“Beh, grazie”

Mi guarda con quel sorrisetto beffardo e continua a far sprofondare il coltello nel mio piccolo cuore:

“Eh eh, ti sei proprio imposta, birbantella”

Non ci ho visto più, gli ho vomitato addosso i peggiori insulti e, una volta saliti in macchina, sotto shock, non sono riuscita a dire nulla.
Il locale lo ha scelto lui, un locale che io, da studentessa, non avrei mai scelto; ha scelto lui anche cosa e quanto bere ma è stata colpa mia, ovvio.
Stupida io che mi sarei accontentata di uno yogurt in piazza.
Ma non è finita: mi chiama, dopo avermi lasciata a casa per dirmi che mi sono sbagliata, che è stata colpa mia che mi sono imposta e che gli ho impedito di pagare o, almeno, di fare a metà e che lui aveva già preso i biglietti per portarmi, sapendo che mi piace, a vedere l’opera.
Però ha la decenza o l’indecenza anche di domandarmi un piccolo favore, “di portare in borsetta” il tesserino universitario in quanto ha pagato i biglietti ridotti, il mio universitario e il suo, usando il documento di sua nonna, over 65.

Un vero signore.

Ho chiuso la conversazione e bloccato il contatto ma mi rammarico di non avergli dato nemmeno un ceffone.